flickonfood_new_on

Aceto Balsamico di Modena I.G.P.

Provalo sulla frittata per una sfumatura aromatica e un sapore morbido!

Origine

A partire dall’XI secolo, la produzione dell’Aceto Balsamico di Modena I.G.P. si lega a due città in particolare: Modena e Reggio Emilia. La cottura dei mosti e la loro fermentazione è un processo antico e legato alla storia del suo territorio. Dopo la fase di pigiatura dell’uva i mosti sono sottoposti a cottura in caldaie a cielo aperto, poi con la decantazione il mosto cotto inizia una naturale reazione di fermentazione e biossidazione acetica ad opera di lieviti e acetobatteri. Con la fermentazione si valorizzano i tipici profumi del Balsamico che si affinano ulteriormente durante la fase di invecchiamento. La sua composizione equilibrata è frutto di un mosto scelto accuratamente da soli sette vitigni: Lambrusco, Trebbiano, Sangiovese, Albana, Ancellotta, Fortana, Montuni. Il suo aspetto è limpido, brillante; dal colore bruno e intenso e il sapore è agrodolce.

Cookit

L’Aceto Balsamico di Modena è un prodotto molto versatile in cucina. Il punto di forza del prodotto consiste nel saper armonizzare e bilanciare le caratteristiche dei singoli ingredienti del piatto, sia dolce che salato. Uno degli accostamenti più noti è quello con il formaggio, in particolare quelli a pasta dura come il Parmigiano Reggiano. Ma è ottimo anche affiancato al pesce, dal baccalà al luccio, sui tortellini o sulla carne bollita. Abbinato alla frutta e ai dolci al cucchiaio è una sorpresa, raffinata e intensa.

Lo Sapevi Che

Il processo di lavorazione dell’Aceto Balsamico di Modena inizia con il classico metodo di acetificazione, con l’impiego di colonie batteriche selezionate. La fase successiva è quella dell’affinamento: sia quest’ultima che la prima, si svolgono all’interno di recipienti di legno pregiato. Il periodo minimo di affinamento è di 60 giorni. Alla fine dell’affinamento, il prodotto ottenuto viene sottoposto a un esame, analitico e organolettico, affidato a un gruppo di tecnici e assaggiatori esperti: è questo lo step da superare affinché il prodotto possa essere certificato come Aceto Balsamico.

Varietà

Share