flickonfood_new_on

Ciliegia di Vignola

Dal rosso fuoco al rosso scuro e un sapore dolciastro. Il frutto perfetto per piatti dolci e salati!

Origine

Giugno è il mese delle ciliegie. In Italia ne esistono ben 150 varietà, ma di sicuro la più nota è quella di Vignola. Tra le province di Modena e Bologna, viene coltivata questa varietà famosa in tutto il mondo per le sue proprietà organolettiche. Le diverse varietà della ciliegia di Vignola dipendono dal periodo di maturazione: la produzione classica inizia nella seconda metà del mese di maggio con il “Durone Bigarreau” e la“Mora di Vignola”. Nel mese di giugno invece prendono il sopravvento i duroni di colore scuro e la classica “Anella”. Nel corso dell’Ottocento, il consumo di ciliegie era riservato alle classi abbienti e il territorio di Vignola era dedicato alla coltivazione del gelso. Ma quando il prezzo di questo tessuto crollò, si cominciarono a piantare alberi da frutto e tra questi proprio il Ciliegio, che divenne la pianta principale di Vignola e delle zone circostanti.

Cookit

La Ciliegia di Vignola ha un gusto dolce e fruttato con polpa croccante e colore rosso, ad eccezione della Mara di Vignola. Perfetta per i dolci ma anche per i piatti salati. Ottime cotte con il Barolo, o spiritose, cioè in vaso con Sherry, alcol, zucchero e chiodi di garofano. Vanno provate anche insieme alla carne, come salsa di accompagnamento. Invece i duroni si possono mettere sott’aceto, con pepe e dragoncello, per accompagnare affettati e carni. Inoltre sono buonissime anche con pasta e riso, denocciolate, e aggiunte a fine cottura.

Lo Sapevi Che

Nel 2013 ha ottenuto il marchio IGP e rappresenta il prodotto cardine dell’economia vignolese. Motore di eventi culturali importanti come la “Festa dei Ciliegi in Fiore” in primavera e a giugno “A Vignola, è tempo di Ciliegie”, dove si possono degustare le diverse varietà di ciliegie e scoprire le tradizioni del territorio modenese.

Varietà

Share