Pera Williams

La regina delle pere d’estate; un frutto variabile, perfetta sia con cioccolato che con formaggio.

Suggested by: Daniele Montesi

Origine

 

Un prodotto che nasce in Inghilterra intorno al 1700 nella città di Aldernaston. Ci sono diatribe sul periodo esatto della sua coltivazione, in ogni caso fu William Hooker a descrivere la cultivar col nome di pera Good Christian, nel 1816, e la pera venne presentata alla Royal Horticultural Society di Londra dal sig. Richard Williams, di Turnham Green, dal quale prese il nome. La pera Williams appartiene alla classe delle Campane o Buoncristiane, possiamo definirla “la regina delle pere d’estate”.. Raggiunge il culmine della maturazione in agosto, infatti si raccoglie ai primi del mese di agosto ed i frutti si conservano per oltre cinque mesi. Versatile, perfetta sia come pera da tavola che da conserve. Il suo colore è verde che vira al giallo durante la maturazione, esiste anche una mutazione rossa. In Italia sono coltivate in Emilia Romagna e in Veneto.

Cook it

Ha una polpa succosa, chiara e molto zuccherina e la sua buccia è verde chiaro giallastra. Il suo aroma è intenso, ricorda il moscato, è la pera più utilizzata sia per confetture e succhi di frutta, che per macedonie, frullati e cocktail. Ideale da sciroppare ma anche da consumare fresca e la sua polpa compatta la rende perfetta per la trasformazione in frutta sciroppata. Si abbina anche a piatti salati in particolare formaggi e risotti. Dalla pera William si ottiene una famosa e ottima acquavite, tra i 40° e i 45° , di colore bianco e dal profumo molto intenso. 

Lo sapevi che

La sua buccia è un vero toccasana. Ricca di fibre può essere un ottimo alleato per l’intestino e nella lotta al colesterolo. È un frutto con alto potere saziante e un concentrato di vitamine, caratteristiche che la rendono perfetta come snack, soprattutto nell’ambito di una dieta sana.

Gallery