flickonfood_new_on

Pesca tardiva di Leonforte IGP

L’unica varietà di pesca settembrina, perfetta da sciroppare!

Origine

L’unica varietà di pesca che si trova da settembre a dicembre è la Pesca tardiva di Leonforte. Se ne producono non più di 400 tonnellate e solo in cinque comuni siciliani: Leonforte, Enna, Calascibetta, Assoro e Agira. Gialla con sfumature rosate e una polpa zuccherina, le sue origini raccontano la bellezza e l’unicità dell’Italia. Molti decenni fa nel territorio di Enna nascevano alcuni arbusti di pesco che maturavano a settembre, dal profumo così intenso da attirare la Mosca Mediterranea, parassita che ne metteva in pericolo la sopravvivenza. Ma l’idea geniale di un produttore salvò la vita a questo frutto unico. Il procedimento è stato “brevettato” negli Sessanta da un certo Pappalardo di Acireale. In un sacchetto di carta pergamenata vengono avvolti i frutti 120-150 giorni prima della completa maturazione, tecnica che protegge le pesche da parassiti e intemperie ed evita l’uso eccessivo di concimi di origine industriale. Questo sistema si è rivelato poi un’ottima tecnica di tutela del prodotto e della sua biodiversità.

In Cucina

Al momento della raccolta il picciolo viene roteato fino al suo totale distacco. Soda, profumatissima e molto dolce, quindi perfetta da mangiare al naturale, per marmellate e soprattutto ottima per la preparazione di pesche sciroppate. Perfetta da utilizzare nella preparazione di tiramisù o in abbinamento con il pistacchio di Bronte e la mandorla pizzuta d’Avola, così da creare una vera esplosione di sapori siciliani. Non solo buona ma anche ricca di vitamine, un vero toccasana per la pelle.

Lo Sapevi Che

L’unica varietà di pesca detta la “settembrina”, ma In realtà esistono numerose varietà della pesca di Leonforte Igp. Addirittura alcune arrivano a maturazione completa nel mese di novembre, e si differenziano per il colore della buccia con le sue striature. Profumo intenso e polpa soda, tutte le pesche tardive di Leonforte sono tutelate da un Consorzio nato nel 1996 e da un disciplinare che regolamenta tecniche di coltura e commercio, anche al di fuori dal nostro Paese. Frutto unico che dal 2010 ha ottenuto anche il marchio IGP.

Varietà

Share