Marmellata di gocce d'oro

Con la ricetta di questa marmellata a base di gocce d'oro si dona risalto e importanza ad un frutto pregiato che non dovrebbe essere dimenticato.

Preparazione

Porre a macerare le prugne per un paio d'ore in una pentola capace, insieme ad un terzo dello zucchero e con il limone. Dopo questo tempo, aggiungere il resto dello zucchero, la vaniglia* e cuocere per circa 10 min. tenendo mosso il composto per aiutare la frutta a sfaldarsi almeno un po'. Dopo questo tempo, con un mestolo piccolo procedete a togliere parte del succo liquido che si è formato. Io l'ho raccolto in un vaso -con queste dosi era un vaso da 400 ml- sterilizzato e l'ho chiuso subito. Raffreddandosi ha formato il sottovuoto. Conservo questo succo dolcissimo da diluire con poca acqua tiepida e gelatina in fogli, per il topping di qualche torta fresca alle creme bianche, tipo cheese cake. O anche come sciroppo di base per dei fantastici succhi di frutta. Riaccendere il fuoco e portare a calore discreto la marmellata; appena arriva fare le bolle ai bordi della pentola **, iniziare ad invasarla in barattoli di vetro sterilizzati, chiuderli subito, in maniera che si formi il sottovuoto raffreddandosi. Per la vaniglia, aprire il baccello a metà per il lungo e raschiare bene la polpa all'interno per aiutarne la dispersione tra la frutta, poi comunque lasciare cuocere insieme al tutto anche i baccelli svuotati. Se si vuole passare con il minipimer, è meglio togliere i baccelli, che sono legnosi e non devono essere frullati. Io li ho tagliati a tocchetti di qualche centimetro ed inseriti, uno per ogni vasetto.

Ricetta di

Ingredienti

- 2 kg. prugne varietà Goccia d'oro - Già denocciolate e fatte a pezzetti - 1 kg. zucchero - 1 limone a fettine - 2 baccelli di vaniglia