Fico Dottato

Piccola perla del Sud: la polpa morbida è ottima da mangiare come spuntino in Estate!

Flick on Food

Origine

 

Il fico dottato è una varietà che si raccoglie nel periodo di fine agosto e inizio settembre in tutta la zona Mediterranea. Pare che le sue origini siano greche e che, una volta arrivato in Italia, abbia incontrato nelle regioni del sud, soprattutto in Calabria, un habitat favorevole per crescere. Per secoli sono stati chiamati “pan dei poveri”, poiché pieni di proprietà energetiche sia essiccati che freschi ed erano molto abbondanti sul territorio. Apprezzati da uomini illustri come Giovanni Pascoli, sembra infatti che nel suo periodo trascorso i Sicilia, Pascoli non perdeva occasione per andare in Calabria e assaggiare i fichi secchi!

Cook it

Molto dolci e piccoli, con la buccia verde chiaro, polpa morbida e semi piccolissimi, questa varietà è ideale per l’essicazione. In Puglia esiste un dolce speciale protetto da Slowfood, il fico mandorlato di San Michele Salentino: vengono aperti e lasciati essiccare al sole per una settimana. Una volta preparato si mette nel fico una mandorla tostata ma non sbucciata. Si aggiunge un po’ di scorza di limone e seme di finocchio e si mette tutto in forno per un’ora. Eccoli pronti!

Lo sapevi che

Attenzione! Un falso mito dice che è bene spalmare sulla pelle il lattice bianco che si ottiene dal ramo quando viene colto il fico. In realtà, questo lattice è davvero irritante e si può correre il rischio di ustionare la pelle soprattutto se sensibile!

Gallery