Sedano Bianco di Sperlonga IGP

Grazie al suo sapore dolce e lievemente aromatico si presta al consumo fresco e in pinzimonio.

Flick on Food

Origine

 

Il Lazio si trova ai primi posti tra le Regioni italiane nella produzione di sedano (Apium graveolens L. var. dulce) da coste, in termini di superficie coltivata in coltura protetta concentrata nella provincia di Latina, soprattutto nei comuni di Sperlonga e Fondi. In questi Comuni dalla metà degli anni 60 inizia la coltivazione del Sedano Bianco, grazie ai terreni con falda pressoché affiorante, compresi tra l’area di bonifica ed il mare, denominati “pantano”, sui quali storicamente si è sviluppata la coltura del sedano. Attraverso il lavoro di selezione operato dagli agricoltori, l’ecotipo “Sedano Bianco di Sperlonga” ha ottenuto ottimi risultati in termini di produzione e qualità. Un ortaggio che richiede un lungo lavoro di selezione per enfatizzare il colore chiaro dei piccioli e ottenere un ritardo nell’emissione dello scapo fiorale.

Cook it

Nel 2012 ha ottenuto il Marchio IGP, Il Sedano Bianco è un ortaggio dal sapore dolce e solo moderatamente aromatico. Si presta molto bene al consumo fresco, immerso nel pinzimonio o in abbinamento con il pesce azzurro, mentre foglie e steli vengono impiegati nella preparazione di minestre e carni. Perfetto per la Tartare di carne e anche per i dolci come il Gelato e il Sorbetto al Sedano Bianco di Sperlonga.

Lo sapevi che

Già nel 1000 a.C. il sedano era conosciuto e apprezzato per le sue proprietà terapeutiche. Lo stesso Omero nell'Odissea ne menziona il suo impiego come erba medicinale. Altre notizie sempre relative al suo utilizzo medicinale risalgono al Medioevo, quando la badessa Ildegarda di Bingen considerava il sedano una panacea contro ogni male. Ancora oggi molto usato in centrifugati e succhi per la sua funzione depurativa e diuretica.

Gallery