flickonfood_new_on

Crescione

Erbe aromatiche rare: la salsa di crescione, col suo sapore pungente, si abbina ai formaggi freschi

Origine

Il crescione è una pianta erbacea aromatica poco comune, appartenente alla famiglia delle crucifere o brassicaceae, come i cavoli o i rapanelli. Esistono diverse varietà di crescione: il crescione d’acqua (Nasturtium officinale) cresce lungo i ruscelli e fossati di acque molto pulite, fiorisce in estate ma gli steli più teneri si raccolgono già in inverno e in primavera. Il crescione dei prati è invece selvatico e si trova nelle piane soleggiate, e si raccoglie durante l’estate. Il crescione inglese (Lepidium sativum) ha stelo più lungo e piccole foglie alla sommità, spesso si coltiva anche nei giardini o negli orti domestici.
Conosciuto sin dall’antichità, il crescione era particolarmente apprezzato dai Persiani che ritenevano che le proprietà nutritive di questa pianta giovassero alla crescita e allo sviluppo dei bambini. I Romani invece pensavano che il crescione trasmettesse benessere al corpo e che avesse proprietà afrodisiache. Quest’ultima proprietà fu attribuita alla pianta fino al 1800 circa.

In Cucina

Come si usa in cucina? Le foglie del crescione hanno un sapore leggermente piccante, ma allo stesso tempo acidulo, ottime per insaporire bruschette e panini — anche sotto forma di germogli, oppure cotte in zuppa o in vellutate. Il crescione può essere utilizzato per realizzare delle salse aromatiche che si accompagnano bene con i formaggi, ai quali aggiunge un gradevole gusto pungente. Si abbina bene con altre foglie di insalate di campo, come il tarassaco e la cicoria e generalmente con valeriana, radicchio e lattuga. Ricchissimo di proprietà benefiche, il crescione si raccoglie in primavera e deve essere utilizzato fresco, in quanto essiccato perde completamente i suoi benefici.
Tra le proposte di utilizzo in cucina, spicca quella dello chef milanese Cesare Battisti: risotto al crescione.

Lo Sapevi Che

Il crescione vanta innumerevoli proprietà benefiche: è un ingrediente rimineralizzante perché contiene soprattutto ferro, fosforo, zolfo, potassio, calcio, zinco, rame, manganese; ha un’azione diuretica e depurativa. Grazie all’alto contenuto di ferro, i il succo di crescione è consigliato alle persone anemiche e in stato di convalescenza. Per ultimo, è anche un ottimo disinfettante, grazie all’alta percentuale di zolfo.
Il crescione è considerata una verdura estremamente salutare perché una manciata di sue foglie (100g) contiene solo 30 calorie, ma anche il 21% del fabbisogno quotidiano di vitamina A, il 24% di vitamina B e l’85% di vitamina K.

Share