flickonfood_new_on

Vaniglia

Attorcigliate un baccello intorno al dito, se non si spezza freschezza garantita!

Origine

La vaniglia è una varietà di orchidea originaria del Messico, che viene coltivata per il suo profumatissimo frutto. Quest’ultimo, detto “baccello”, è una delle spezie più pregiate al mondo; possiede un profumo inconfondibile e si sostiene che abbia proprietà afrodisiache. Il baccello della vaniglia è di colore nero e può raggiungere anche i 30 cm di lunghezza. Il Messico è stato il principale produttore di vaniglia fino al XIX secolo, date le difficoltà incontrate nella coltivazione al di fuori del suo habitat naturale. Quando si riuscì a far crescere la vaniglia anche in Europa, la vendita di questo prodotto crebbe notevolmente. In Francia, le donne di corte la compravano in grandi quantità, non per servirsene in cucina, ma per profumare gli ambienti.

In Cucina

La vaniglia viene utilizzata soprattutto in pasticceria per la preparazione di dolci come gelati, creme, torte e liquori, ma nella cucina orientale e africana viene usata anche per piatti salati. Sono molti gli abbinamenti che si possono fare con la vaniglia, i più classici sono limone, cioccolato, panna e fragole. Spesso viene utilizzata per aromatizzare il latte e qualche volta anche il caffé. Immancabile nella ricetta tradizionale della cassata siciliana, stimola la fantasia per i piatti salati; perché non provare un risotto al profumo di vaniglia?

Lo Sapevi Che

La coltivazione della vaniglia è difficilissima perché solo un particolare insetto, l’ape melipona, può portare a termine l’impollinazione che porta al concepimento del frutto. Qual è il problema? Questo insetto si trova solo in Messico!

Varietà

Share