Ciliegia

Con i piccioli si può realizzare una tisana depurativa e drenante!

Flick on Food

Origine

 

Le ciliegie, un frutto che proviene dalla famiglia delle Rosacee, si trovano da metà maggio a luglio. Le origini sono nell’Asia Minore, anche se oggi sono presenti in quasi tutti i continenti, soprattutto in Europa, dove viene prodotto il 75% del raccolto mondiale. In Italia, secondo Plinio il Vecchio, vennero portate dal generale Lucullo quando tornò a Roma dopo la vittoria contro Mitridate ed è per questo che le ciliegie sono spesso definite un frutto luculliano. Durante i secoli successivi furono sempre molto apprezzate, soprattutto dal Re Sole, che amando i colori del ciliegio, incitava il consumo del frutto a corte.

Cook it

Dal Prunus avium nascono le ciliege dolci mentre dal Prunus cerasus nascono le amarene e le marasche. Proprio per il loro sapore acido, queste ultime varietà vengono usate per creare sciroppi, marmellate e liquori come il maraschino, il cherry brandy e il ratafià. Ma l’incredibile varietà (più di 100) fa sì che le ciliegie possano accompagnare portate sempre diverse! In Francia, viene preparato il Clafoutis con le ciliegie, un tortino dolce, facile e fresco. Ma se, invece, preferite il salato, allora provate gli involtini di pollo con prosciutto crudo e ciliegie!

Lo sapevi che

Le ciliegie hanno proprietà diuretiche e antiuriche che le rendono perfette per una dieta detox, la polpa ha proprietà rivitalizzanti per la pelle ed è inoltre un frutto ricco di acqua e fibre, e poco calorico. E, poi, attenzione: non buttate via i noccioli! Ma usateli come imbottitura dentro un panno. In inverno, riscaldati, sono ottimi per alleviare dolori articolari e in estate, freschi di freezer, perfetti per distorsioni.

Gallery